giovedì 26 agosto 2010

Inutile girarci intorno

Sopportare perché sono forte piuttosto che deludere perché sono infelice. Tollero il dolore meglio del giudizio, e non so dirlo meglio di così.

E' troppo stringato, oppure ho reso l'idea di quanto mi consideri incommensurabilmente imbecille?

17 commenti:

  1. no no, il concetto è chiarissimo, a parte la considerazione sull'imbecillità. il problema si pone casomai quando, oltre al dolore che ci si autoinfligge, il giudizio arriva comunque. come si dice, cornuto e mazziato. benvenuta al club?

    RispondiElimina
  2. Hai detto una gigantesca verità, fratello ganfione. Che giustifica pienamente la mia implicita imbecillità. Perché quel che hai detto non è solo un'evenienza occasionale, al contrario, è matematico. Tu sopporti il dolore e sta pur certo che insieme a quello arriverà il giudizio puntuale come un diretto per Zurigo. Per questo è piuttosto imbecille sopportare. Ma piuttosto tanto.

    RispondiElimina
  3. si sopporta, perché si vuole dare una parvenza di rispetto a questi rapporti, a queste persone, a questi amanti, a questi colleghi, a questi amici, a questi conoscenti, a questi parenti; si smette di sopportare, e si cala la maschera: sti stronzi sono proprio stronzi, non c'è niente da fà, e me fanno schifo. chiusi i rapporti; tra me e te c'è un abisso; svegliati, perchè così non vali un cazzo; devi fare un lungo percorso per poterti chiamare uomo; sei arido; sei stupido come una capra. MA SONO SEMPRE DISPONIBILE PER PARLARE CON TE. Chissà, magari c'è movimento in quella scatola cranica. Magari se scavi un po', emerge un'ottima persona. Magari se usi un po' di amore, possiamo trovare qualcosa di bello da scambiarci. E così si ricomincia.

    RispondiElimina
  4. Che bella donna che sei, simosimo.

    RispondiElimina
  5. Tu senz'altro ci vedi l'ironia. Io no di sicuro. Il problema purtroppo è che è con te che vai a letto stasera, mica con me.

    RispondiElimina
  6. non sei sola, a tollerare più il dolore che il giudizio, vedi?

    RispondiElimina
  7. No, siamo una bella vagonata in effetti. Ma il problema non è tanto il fatto che lo facciamo - nessuno nasce imparato - è il fatto che continuiamo a farlo anche quando arriviamo a capire che sarebbe meglio smettere. Però io ho deciso che per adesso basta. Poi la prossima volta si vedrà. Ma per adesso basta.

    RispondiElimina
  8. secondo me dipende da quanto sei forte. ma forte per davvero. mi ha detto mia cugina che conosce una ragazza che invece fa solo finta di esserlo e anche se le viene benissimo non è detto che una prossima volta ci sarà.
    posso dirti che non mi garbano troppo queste parole scritte da te? vabbè ormai l'ho detto.
    bacini

    RispondiElimina
  9. puoi dirlo senz'altro, ma non ho capito esattamente se ti riferisci al post o ai commenti. Bacini anche a te

    RispondiElimina
  10. al post. dicevo del post

    RispondiElimina
  11. Se può consolarti non garbano neanche a me, ma l'onestà con se stessi è il primo passo, no? Io alla prossima volta ci credo sempre perché sono qui per imparare. E' il mio dogma.

    RispondiElimina
  12. oh, non è la prima volta che passo da qui (o tu passi da lì) e scrivi qualcosa che me lo segno. stavolta è il turno di "io alla prossima volta ci credo sempre perché sono qui per imparare". andrebbe composto un inno che i primi due versi sono questa frase qua.

    RispondiElimina
  13. Essere felicemente infelici è pur sempre una scelta di vita. Bacio. [tdl]

    RispondiElimina
  14. No, per carità! Non mi sono spiegata bene. Nessuno dei miei obiettivi primari include l'essere infelicemente felice. Io voglio essere felicissimamente felice, felice in modo totale completo ed epicureo. Felice in cielo in terra e in ogni luogo. Felice come la terra, felice come un animale, felice come una foglia, felice come un bimbo attaccato a una tetta. Felice senza l'ombra di un ossimoro. E quando avrò capito bene come si fa, voglio insegnarlo agli altri. E' questo che sono determinata ad imparare, e malgrado le cadute occasionali, te lo dico: mi sento vicinissima al risultato.

    RispondiElimina
  15. Se prendo per buone le teorie orientali nulla e' statico, neppure gli stati d'animo che possiamo raggiungere. Che fare allora? Armonizzare l'oscillazione, guardare di sottecchi una bellissima alba proprio quando ti sei svegliato con un umore del cazzo..
    Si prega di toccare.

    RispondiElimina
  16. Fari, faretti, lampioni e siparietti sul giudicante: il giudizio insidioso è il mio ammè, tutto il resto temo succeda di rimbalzo, giochi di specchi. Incommensurabilmente. E nel letto è sempre con noi che ci infiliamo, poi che ci si infili qualcun altro può essere o può non essere.
    Anch'io voglio essere felice come una foglia e godermi le venature e il vento.

    RispondiElimina